Profumazione ambienti con arance decorate

Profumazione ambienti con arance decorate

Oggi vi spiego come fare un deodorante per la casa fai da te usando solo ingredienti naturali, questo deodorante non solo è buonissimo ma è anche perfetto per decorare la casa in inverno soprattutto nel periodo natalizio.

Questo deodorante è fatto con arance fresche, chiodi di garofano e cannella, servirà un mese di riposo ma poi durerà per tanto tempo in casa vostra. La cosa molto positiva di queste arance profumate è che sono fatte con ingredienti naturali, non userete sostanze di dubbia provenienza.

Cosa serve:
– arance di media grandezza
– uno spillo
– chiodi di garofano
– cannella in polvere

Preparazione:
Prendete le arance, lavatele e asciugatele bene. Poi fate dei buchetti con uno spillo e man mano inserite i chiodi di garofano. Potete metterli a caso oppure seguire un disegno.

Una volta coperte le arance passatele in un piatto pieno di cannella in polvere e rigiratele bene. Mettete le arance in un sacchetto di carta (un sacchetto per arancia) e fatele riposare per un mese.

Quando saranno pronte potrete usarle come centrotavola magari mettendole su un letto di stecche di cannella oppure in un vasetto con della paglia, o decorarle con del nastro.

Annunci
Riciclare la carta dei vecchi quotidiani

Riciclare la carta dei vecchi quotidiani

Il primo utilizzo che se ne può fare è quello di lavare i vetri, e non solo quelli di casa, del camino o della stufa, infatti i giornali sono perfetti anche per lavare i vetri delle automobili o gli specchi.

Usando una soluzione di acqua e aceto potrete far brillare tutti gli oggetti in acciaio che avete in casa, basterà usare un quotidiano per strofinarli.

Un altro utilizzo da non sottovalutare è quello di usare i vecchi giornali per coprire le superfici durante i lavoretti dei bambini o dei grandi, come la tinteggiatura di oggetti o di pareti. Se utilizzati in più strati è possibile levare il primo per mantenere sempre l’area di lavoro pulita; inoltre sono perfetti anche per raccogliere le bucce delle verdure quando si puliscono perché la carta dei giornali può essere gettata nel compost senza problemi.

La carta dei quotidiani è ottima per creare dei vasetti per la germinazione dei semi prima di essere piantati, la carta si scioglierà nel terreno senza dover usare i vasetti di plastica.

Anche i cassetti possono essere protetti con della carta di giornale da eventuali oggetti che potrebbero perdere come colla, penne, trucchi, Inoltre se usato come fondo per il cassetto della frutta nel frigo, ne assorbe i cattivi odori.

Un altro uso insolito è quello di arrotolarci la frutta per farla maturare più in fretta dentro il frigo.

Appallottolando i fogli di giornale si può ricavare un imbottitura perfetta per gli stivali o le scarpe quando si fa il cambio di stagione, in modo che rimangano in forma.

Durante un trasloco o una spedizione i giornali sono molto utili per imballare le cose più fragili ed evitare rotture.

Come poter riciclare dei vecchi calzini

Come poter riciclare dei vecchi calzini

Se avete dei calzini da buttare che proprio non possono essere più utilizzati provate ad allungare il loro ciclo di vita utilizzandoli per creare dei giocattoli per i vostri animali domestici, degli scaldapolsi a costo zero o come stracci e spugne.

I vecchi calzini potranno essere riutilizzati molto a lungo, almeno fino al loro completo logoramento, come comodi strofinacci per la polvere. Saranno comodi per essere utilizzati per igienizzare le maniglie di porte, finestre, mobili e sportelli con l’aggiunta di alcune gocce di succo di limone o tea tree oil.

Con i calzini in spugna, quelli che si usano per fare ginnastica, invece, potrete realizzare una comoda spugna per i piatti e bicchieri. Mentre con quelli di cotone potrete sostituire la normale spugna per la doccia.

Potrete creare dei morbidi elastici per capelli: prendete un calzino, tagliate il bordo superiore, quello che contiene l’elastico, con un colpo di forbici avete realizzato un morbido elastico per i vostri capelli. Per arricchirlo potrete cucire qua e la qualche perlina o un fiore in stoffa.

Potrete fare dei giochi per l vostro gatto: riempite semplicemente l’estremità di un calzino con della segatura fino a formare una sorta di palla, che chiuderete all’estremità con un nastro o una cordicella, eliminando la parte rimanente della calza, che potrete adibire ad altri utilizzi alternativi.

Imbottite un calzino con della farina d’avena e legate l’estremità aperta con un nastro. Lo immergerete in un catino per il pediluvio in modo da ottenere un’azione di sollievo sulla pelle in caso di rossori, stanchezza ed irritazioni. Il sacchetto può anche essere utilizzato sotto la doccia, da passare umido su tutto il corpo ed in particolare in zone interessate da prurito o scottature solari.

Da vecchie calze pesanti possono essere ricavati degli scaldapolsi comodi da indossare d’inverno o in casa, se si trascorre parecchio tempo al computer e si avverte una sensazione di freddo o di tensione ai polsi o alle mani. Tagliate la punta dei calzini e fate in modo di creare un asola singola dove farete passare il vostro pollice, permettendo inoltre agli scaldapolsi di rimanere in posizione fissa. Date alcuni punti con ago e filo se necessario.

 

 

Come coltivare la lavanda in casa

Come coltivare la lavanda in casa

La lavanda è conosciuta fin dalle epoche passate. Pare che il suo nome derivi dal suo utilizzo per detergere il corpo, che la vedeva in particolare impiegata per profumare l’acqua in cui gli antichi romani si immergevano per il bagno.

Coltivare lavanda in vaso non è affatto un compito difficile: è possibile avviare delle piccole coltivazioni di lavanda in vaso anche in ambito domestico, posizionando i contenitori sul davanzale della finestra, in balcone o in terrazza.

l vaso per la coltivazione della lavanda deve garantire il massimo deflusso dell’acqua: sul fondo predisponete un letto di ghiaia, cocci o argilla espansa (basteranno due o tre cm). Riempite il vaso con un terriccio morbido o a medio impasto, possibilmente ricco di materia organica ben matura (compost, letame…).

Solo in determinati casi sarà necessario potare la lavanda: orientativamente dal secondo o terzo anno di vita della pianta (in base allo sviluppo e alle vostre esigenze di spazio) potete avviare delle potatura annuale. La potatura va eseguita in autunno, al termine del normale ciclo vegetativo della pianta.

Quando decidete di coltivare lavanda in vaso, tenete presente che si tratta di una pianta dalla crescita rapida e che può svilupparsi fino a un metro. La potatura potrà servire a scandire delle forme di allevamento particolari: la lavanda in vaso può essere coltivata a formare larghi cespugli o in modo più ordinato per realizzare una siepe in vaso.

In genere, le operazioni di manutenzione e le cure da destinare alla lavanda sono le più classiche: eliminate le erbacce dal vaso e se in casa o in balcone vi sono altre piante malate, eseguite un trattamento preventivo per scongiurare la comparsa di quella determinata malattia. La lavanda è una pianta piuttosto rustica ed estremamente resistente. Non vi ruberà via molto tempo per le cure. Il vaso va tenuto in posizione luminosa e lontano da ambiente umidi.

La fioritura della lavanda si manifesta nel periodo estivo, all’incirca da giugno ad agosto.

I fiori di lavanda, possono essere raccolti e lasciati essiccare dopo averli riuniti in mazzetti. Saranno utilissimi per comporre dei sacchetti fai-da-te per profumare armadi e cassetti. Gli stessi rametti di lavanda essiccati possono essere impiegati per comporre dei piccoli fasci da abbellire con nastri colorati e da utilizzare per profumare la biancheria o semplicemente per decorare la casa.

Fare in casa un piccolo diffusore di essenze

Fare in casa un piccolo diffusore di essenze

A volte per profumare casa si spendono molti soldi acquistando prodotti a base di fragranze non sempre naturali.

E’ possibile realizzare in casa, in maniera molto semplice, un diffusore aromatico a bastoncini utilizzando bucce di agrumi, e poco altro.

Necessario:
Un piccolo contenitore in vetro con apertura non troppo ampia
Bastoncini di legno (come quelli per gli spiedini)
Alcool bianco (1/4 di tazza)
Acqua (3/4 di tazza)
20 gocce di oli essenziali a vostra scelta
Bucce di limone, arancia, mandarino, pompelmo o lime

Inserite all’interno del barattolo in vetro le bucce di agrumi spezzettate a cui avrete grattato via la parte interna bianca, aggiungete l’acqua e l’alcool e subito dopo le gocce di oli essenziali. Agitate leggermente il contenitore per mischiare un po’ il tutto e infine inserite i bastoncini di legno. Posizionate il diffusore dove più ne avete bisogno avendo cura di sostituire il liquido dopo 30 giorni per impedire la formazione di muffe.

Pulire terrazzi e balconi

Pulire terrazzi e balconi

Smog, inquinamento, micropolveri… basta un mese di “abbandono”, soprattutto d’inverno, per ridurre i nostri balconi in pessimo stato, con notevoli accumuli di grasso e sporco, principalmente sulle ringhiere e sulle zone più esposte.

Per la pulizia possiamo usare la Soda Solvay, in quanto pulisce e sgrassa senza fatica tutti questi punti: infatti è un prodotto molto efficace, non produce schiuma ed è facilmente risciacquabile, inoltre non inquina e costa davvero poco.

Basta sciogliere due/tre cucchiai di Soda Solvay in un litro di acqua tiepida e passarla bene con una spugna dove si è accumulato lo sporco; per le parti più difficili si può utilizzare una spazzola con setole di plastica.

Anche i vasi delle piante devono essere mantenuti puliti per far respirare meglio le radici, così si può utilizzare la stessa soluzione di acqua e Soda Solvay per sgrassarli con cura.

Attenzione soltanto a non utilizzare questo procedimento sulle superfici di legno, cotto e alluminio.

Decorazione profumata e facilissima da creare

Decorazione profumata e facilissima da creare

In questo articolo vi spiego come fare un deodorante per la casa fai da te usando solo ingredienti naturali, questo deodorante non solo è buonissimo ma è anche perfetto per decorare la casa in autunno e inverno.

Bastano arance fresche, chiodi di garofano e cannella, servirà un mese di riposo ma poi durerà per tanto tempo in casa vostra. La cosa molto positiva di queste arance profumate è che sono fatte con ingredienti naturali, non userete sostanze di dubbia provenienza.

Ingredienti:

arance di media grandezza
uno spillo
chiodi di garofano
cannella in polvere
un sacchetto di carta

Preparazione:

Prendete le arance, lavatele e asciugatele bene. Poi fate dei buchetti con uno spillo e man mano inserite i chiodi di garofano. Potete metterli a caso oppure seguire un disegno.

Una volta coperte tutte le arance passatele in un piatto pieno di cannella in polvere e rigiratele bene. Mettete le arance in un sacchetto di carta e fatele riposare per un mese.

Potrete usare queste arance come decorazione, ad esempio potrete metterle su un letto di stecche di cannella oppure in un vasetto con della paglia, o decorarle con del raso o ancora creare un bel centrotavola.

Potete anche usare queste arance come decorazioni di Natale.

Sono molto belle da vedere e frofumano deliziosamente.